Per vincere l’America’s Cup bisogna Armare con le cime giuste

Un successo che riempe l'azienda friulana di orgoglio e dimostra l'enorme qualità di questi prodotti made in Italy

8 Luglio 2017 | di Gregorio Ferrari
Team new zealand davanti a Oracle nella 35esima america's CUp
Team New Zealand in regata con Oracle durante l'America's Cup 2017

Per conquistare la Coppa America servono anche le cime giuste e quelle del vincitore di quest’anno, Emirates Team New Zealand, sono tutte fatte in Italia, per la precisione a San Giorgio di Nogaro (UD), da Armare Ropes.

Un successo che riempe l’azienda friulana di orgoglio e dimostra l’enorme qualità di questi prodotti made in Italy, utilizzati durante le qualificazioni dagli AC Acts, durante tutta la Louis Vuitton Cup ed infine durante la vera e propria America’s Cup.

Il primo ad aver creduto nella qualità di Armare e a portare ETNZ ad utilizzarne le cime è una nostra vecchia conoscenza, Max Sirena, technical advisor proprio di Team New Zealand. Lo sviluppo del progetto ha richiesto un notevole sforzo da parte dell’azienda, chiamata a inventare, testare e costruire delle cime perfette che rispondessero in toto alle necessità dei cat utilizzati durante questa campagna. Sono state svolte diverse sessioni di prove che, insieme ai dati raccolti ed ai feedback giunti dai campi di regata da parte di Team New Zealand, hanno permesso di assecondare le necessità.

“Sul catamarano di Emirates Team New Zealand -ha spiegato Stefano Finco, titolare di Armare Ropes al Giornale della Vela– a spanne direi che ci sono circa 10.000 metri di nostre cime”. Dieci chilometri di cime che però sembrano invisibili guardando i catamarani in foto. “Ci hanno chiesto -ha proseguito Finco- prodotti ovviamente custom, la cui composizione è vincolata da segreto per contratto. C’era la necessità di avere cime ad altissima resistenza, dotate di basso allungamento e nel contempo del minore diametro possibile, per risparmiare peso. A bordo -ha concluso il titolare di armare Ropes- sono state pensate oltre mille soluzioni diverse, con i diametri che variano da 2 millimetri a 12-14 mm”.

Gli studi condotti per Team New Zealand hanno permesso ad Armare Ropes di raccogliere moltissimi dati e di verificare l’efficacia delle loro cime portate al massimo sforzo. Oltre ad equipaggiare imbarcazioni modernissime come l’Ac45 di ETNZ, Armare produce cime per qualsiasi velista, dalle derive ai diportisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione