Collisioni in regata: un classico della Tjorn Runt VIDEO

La Tjorn Runt, classica dell'altura svedese, viene spesso ricordata per i suoi passaggi rocamboleschi nei canali tra le isole, con il rischio altissimo di collisioni pericolose

5 Settembre 2013 | di Redazione Liguria Nautica

Una regata così, con passaggi sui bassi fondali e canali stretti, si presta allo spettacolo e le collisioni rocambolesche non sono affatto una rarità. Stiamo parlando della Tjorn Runt, regata che si corre in Svezia dal 1963, con un percorso di 28 miglia intorno all’Isola di Tjorn. A condire il tutto c’è spesso il vento forte, e sono poche le edizioni di questa classica del Nord Europa ricordate per la bonaccia.

 

I canali tra le isole, spesso larghi poche decine di metri, sono i passaggi più complessi con le barche che fanno letteralmente a sportellate per farsi spazio. Nelle immagini che vi proponiamo la splendida edizione del 2013, e a seguire la spettacolare sequenza della collisione tra due barche nel 2009.

 

ECCO COSA E’ ACCADUTO NELL’ULTIMA EDIZIONE…

 

…E IN QUELLA PAZZESCA DEL 2009!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

3 commenti

  1. Francesco ha detto:

    Che bello sentire parlare di questa regata, in Italia. Io sono tornato proprio oggi da tjorn, e anche quest’anno non mi sono perso la regata… Io, genovese, passo sull’isola di tjorn circa due mesi all’anno e per me e’ il paradiso. Da quando navigo da quelle parti ho addirittura smesso di navigare dalle nostre…

  2. Sergio Abrami ha detto:

    Svezia, un vero paradiso della vela e della nautica in generale a misura d’uomo. Peccato per il clima, ma i paesaggi sono incredibili, così come incredibili sono i costi nei marina. Con circa 11 € al giorno per barche fino a 7 persone imbarcate ( si paga a pax non a metro ) si hanno acqua, bagni, docce , lavanderia – lava e asciuga, ovviamente -. La luce è un extra da 2€ per notte… Come da noi , vero?
    Tante piccole barche. Ogni casa una asta per la bandiera ( sempre in ordine e non uno straccio bruciato dal sole e dalla pioggia ) e una barchetta. Ai locali, e questo è davvero divertente , fa strano ( i pregiudizi non conoscono latitudini ) che un italiano sappia veleggiare, navigare, fare nodi, insomma sia un marinaio come loro. Buon vento !

  3. Fabio ha detto:

    Ecco, adesso ho un altro sogno da realizzare!!!
    chissà se riuscirò mai a prendere parte alla regata

    ciao

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione