Luna Rossa ed ETNZ svelano gli AC75 della 36esima Coppa America. Ecco come saranno

Una nuova era per la Coppa America: ETNZ e Luna Rossa svelano gli AC75

21 novembre 2017 | di Gregorio Ferrari
Rendering dei nuovissimi AC75, monoscafi foiling che saranno protagonisti della 36^ edizione della Coppa America
Rendering dei nuovissimi AC75, monoscafi foiling che saranno protagonisti della 36^ edizione della Coppa America

Con gli AC75 inizia ufficialmente una nuova era per la Coppa America. Luna Rossa e Emirates Team New Zealand hanno svelato i concept dei nuovissimi monoscafi con foil ad alte prestazioni con cui si chiude l’esperienza “multiscafi”.

La Coppa America è da sempre l’avanguardia tecnologica per le barche a vela ed anche la prossima edizione si attesterà ai massimi livelli. Dopo quattro mesi di lavoro, i team di ETNZ e Luna Rossa hanno elaborato un concept impegnativo da portare ma in grado di mettere in risalto l’abilità degli equipaggi durante le regate.

Si tratta di un progetto improntato per il “match racing”, a cui va aggiunta la sicurezza di un’imbarcazione autoraddrizzante in caso di scuffia. Per raggiungere questo obiettivo è stato studiato l’utilizzo di due derive basculanti a T, una per ciascuna delle mure, appesantite per aumentare il “momento raddrizzante” durante la navigazione e dare stabilità a basse velocità.

Coppa America: come navigheranno gli AC75?

Come navigheranno i monoscafi foiling della prossima Coppa America? In condizioni normali la deriva sottovento sarà abbassata per creare la spinta verticale in grado di far volare gli AC75, mentre quella sopravvento sarà completamente fuori dall’acqua per aumentare il braccio di leva e ridurre la resistenza. Sarà possibile servirsi di entrambe le derive, ad esempio nei pre-partenza ed in manovra per creare maggiore portanza e stabilità.

L’AC75 potrà virare e strambare in modalità foiling con minime riduzioni della velocità per regate match race combattute in ogni andatura. Anche il modo di portare la barca sarà cruciale, a cui va aggiunta la scelta delle vele, compreso il “Codice Zero” nelle condizioni di vento leggero. Il progetto vincitore ha messo d’accordo entrambi i team (ETNZ e Luna Rossa), che ora sono impazienti di introdurre gli AC 75 per la 36^Coppa America nel 2021.

Dalla Coppa America alla nautica da diporto: ecco cosa cambia

Se con i recenti multiscafi della Coppa America non vi sono state importazioni di rilievo nella nautica da diporto, con la prossima edizione la situazione dovrebbe cambiare. Congiuntamente alle innovazioni del sistema di “foiling”, Emirates Team New Zealand e Luna Rossa stanno lavorando sull’alberatura dell’AC 75, per far sì che non necessiti più di una gru per essere armato ogni giorno.

“La scelta di un monoscafo -ha affermato Patrizio Bertelli, presidente di Luna Rossa Challenge- era la condizione essenziale per un nostro nuovo coinvolgimento nell’America’s Cup. Il concept della nuova classe AC 75, che i designer di Team New Zealand e di Luna Rossa hanno sviluppato insieme, aprirà nuovi orizzonti per la competizione velica ed in futuro anche per la nautica da diporto. E’ un concept moderno, tecnologicamente avanzato e sportivamente impegnativo che darà luogo -ha concluso Bertelli- a ‘regate di duello’ appassionanti e combattute”.

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione