Gare di kitesurf: il futuro è il Boarder Cross?

Da qualche anno si è sviluppata una nuova disciplina agonistica del kitesurf molto divertente ispirata alle gare di motocross: si corre lungo percorsi su boe con una serie di ostacoli gonfiabili da superare saltando. Nata in Francia, per il momento stenta a diffondersi lungo le nostre spiagge. Eppure è la formula con cui si correranno i Giochi Olimpici Giovanili di Buenos Aires, in Argentina, nel 2018.

9 Maggio 2016 | di Redazione Liguria Nautica

Lanciarsi a tutta velocità in un percorso pieno di ostacoli da superare. Come? Saltando naturalmente e cercando di battere i vostri avversari sul traguardo, se vi riesce. Si chiama Boarder Cross ed è una nuova disciplina del kitesurf che sta spopolando oltre i confini italiani. Soprattutto in Francia ovviamente perché, si sa, i nostri cugini d’oltralpe oltre ad averlo inventato il kiteboarding sono anche i più assidui praticanti e sperimentatori delle sue infinite potenzialità.

Salti e “spallate” agli avversari, come nel motocross

La formula di gara del Boarder Cross, come dice il nome stesso, deriva dallo ski cross o snow cross, specialità sciistiche al cardiopalma molto spettacolari e acrobatiche nelle quali più atleti scendono contemporaneamente lungo un percorso artificiale che presenta diverse difficoltà tecniche e vari ostacoli da superare: rampe, cunette, salti e curve paraboliche. Competizioni che a loro volta rubano a piene da mani dal caro vecchio supercross delle moto. Nel kitesurf tutto si traduce in un campo di gara allestito vicino alla spiaggia per la gioia del pubblico e dei fotografi pronti a immortalare salti e cadute, vittorie e sconfitte.

Il percorso infatti prevede una serie di ostacoli gonfiabili che vanno da un minimo di 80 centimetri a un massimo di 1,70 metri di altezza disposti uno dopo l’altro su un bordo da fare al lasco, dopodiché i concorrenti strambano su una boa e si rilanciano a tutta sul bordo di bolina per poi ripetere il giro per 6-8 volte. In genere si parte a gruppi di quattro atleti che naturalmente fanno di tutto per stare davanti e saltare senza farsi intralciare dalle ali degli avversari. Obiettivo? Rimanere in piedi e tagliare il traguardo per primi.

Gare piene di adrenalina e accessibili a tutti

Insomma tanta adrenalina, planate a volontà, salti a ripetizione e divertimento a non finire per gli atleti in gara. Non a caso sono diversi i kiter professionisti che si sono cimentati del Boarder Cross, da Youri Zoon, a Lewis Crathern, James Boulding, Alvaro Oniera, Seb Garat, Julien Kerneur, Hannah Witheley. In realtà queste competizioni sono aperte a tutti i rider, in particolare agli amatori visto che i requisiti minimi per partecipare sono davvero alla portata di tutti: gestire un salto base su entrambe le mure, avere attrezzatura standard (ala e tavola twintip) e conoscere le regole di navigazione.

In Francia ogni anno si corre il Boarder Cross Tour

Tra i primi a credere nel Boarder Cross è stato il francese Christophe Hamon, direttore della scuola di vela e kitesurf Glisse&Kite a à Saint-Pierre-La-Mer, nel Sud della Francia. Su questa spiaggia a partire dal 2015 ha organizzato due edizioni del Boarder Cross Tour, l’ultima delle quali quest’anno si è disputata lo scorso aprile con la partecipazione di 80 kiter, uomini e donne, provenienti da tutto il Paese. Dalla Francia la disciplina ha preso piede anche in altri paesi europei e negli Stati Uniti. E in Italia? Per il momento il Boarder Cross è ancora tutto da diffondere, ma le potenzialità per avere successo ci sono tutte. Non è escluso che il Boarder Cross potrebbe addirittura essere promosso come nuova formula olimpica di kitesurf ai Giochi di Tokyo 2020.

Scelto per i Giochi Olimpici Giovanili 2018. E in Italia?

Lo stesso Mirco Babini, presidente dell’Associazione Internazionale Kitesurf (Ika), in una recente intervista ha ventilato l’ipotesi che proprio la formula del Boarder Cross è quella prescelta per disputare i Giochi Olimpici Giovanili (Under 19) che si terranno a Buenos Aires, in Argentina nel 2018, competizione che come tutti sanno è propedeutica alle Olimpiadi e utilizzata come laboratorio di sperimentazione delle varie discipline e alla quale dovrebbe essere presente anche una squadra rappresentante dell’Italia. Chissà se allora anche lungo le nostre spiagge si cominceranno a vedere presto i kiter a prova di ostacolo.

David Ingiosi

Guardetevi il video del Boarder Cross Tour 2016:

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

La FederVela francese dice SI al kitesurf: parla il Presidente dell’Associazione Internazionale Kiteboarding

  • 12 Gennaio 2017

Il Ministero dello Sport francese ha assegnato la delegazione per il kiteboard alla Federazione Nazionale di Vela. Un cambio di direzione epocale nel Paese che al kitesurf ha dato i natali ma che per 18 anni ne aveva affidato la gestione alla Federazione Volo Libero e non era riconosciuto come disciplina velica. Il commento di Mirco Babini, Presidente dell'Associazione Internazionale Kiteboarding.

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione