Kitesurf estremo sulla barriera corallina: è record. FOTO

Lo scorso 26 agosto un team di otto kiter ha completato la più lunga traversata oceanica percorrendo 1.237 chilometri attraverso la Grande Barriera Corallina australiana. Obiettivo: infrangere il record mondiale di distanza con il kite e raccogliere fondi per un importante centro medico di ricerca.

2 Settembre 2015 | di Redazione Liguria Nautica

Il kitesurf, per come lo conosce la maggior parte degli appassionati, è fatto di lunghe session a base di planate lungo costa e salti mozzafiato spesso per impressionare i bagnanti a riva. Eppure negli ultimi anni hanno cominciato a prendere piede nuove varianti di kitesurf che si avvicinano molto di più alla vela d’altura, alle traversate oceaniche e alle cosiddette prove di “endurance”. Si scelgono accuratamente ali e tavole in base alle condizioni meteo attuali e previste (correnti e salti di vento compresi), si parte da una spiaggia e non si torna dove si è usciti, bensì si macinano quante più miglia possibile per approdare dall’altra parte dell’orizzonte. Una sfida faticosa per il fisico e la mente e che esprime un senso di libertà fuori dal comune.

Kite The Reef: a caccia di record nel Nord dell’Australia

L’ultimo exploit di questo genere di kitesurf appartiene a un gruppo di otto rider che lo scorso 26 agosto hanno portato a termine un’impresa inedita e avventurosa: attraversare la Grande Barriera Corallina, nella zona del Queensland, Australia, tagliandola nella parte più a Nord, quella più affascinante e per certi versi ancora inesplorata.

Partita il 13 agosto, la spedizione che prendeva il nome di Kite The Reef ed era sponsorizzata da Richard Branson il patron della Virgin, metteva insieme sia uomini che donne, tutti rider provetti e non nuovi a esperienze di navigazione del genere: Jesse Richman, Nicholas Cole, Richard Hatherall, Jason Rogers, Jess Digs, Phil Barton, Nick Levi e Alex Unsworth.

Una prova di resistenza e orientamento

Il team dopo essere partito da Vlasoff Reef, seguito da una equipe di assistenza a bordo di potenti motoscafi, ha navigato per otto giorni consecutivi ciascuno utilizzando sia tavole twintip che surfini per oltre 9 ore al giorno. Quando sono approdati a Cape York le miglia coperte sono state 768 (1.237 chilometri) per un totale di 61 ore passate in acqua, battendo il record attuale sulle lunghe distanze coperte con il kitesurf.

Ad attenderli sulla spiaggia centinaia di persone e giornalisti da tutto il mondo per farsi raccontare le vicissitudini di questa avventura di kitesurf che sa di vecchi tempi. Non a caso uno dei protagonisti durante la traversata nella riserva naturale si è rotto un femore ed è stato portato in elicottero all’ospedale più vicino.

Obiettivo sportivo e benefico: raccolti 100.000 dollari per la ricerca medica

Oltre al primato sportivo nel kitesurf, la spedizione aveva l’obiettivo di raccogliere fondi per il Dipartimento Motor Neurone Disease Research Centre dell’Università di Macquarie: sono stati quasi 100.000 i dollari che andranno a questo importante istituto medico di ricerca. Insomma una storia moderna di sport estremo, natura incontaminata e voglia di sfida che da sempre anima l’uomo che va per mare, anche solo spinto da un ala che tira tra cielo e mare e una tavola sotto ai piedi per surfare il blu degli oceani.

David Ingiosi

 

 

 

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

Mercato nautica

La FederVela francese dice SI al kitesurf: parla il Presidente dell’Associazione Internazionale Kiteboarding

  • 12 Gennaio 2017

Il Ministero dello Sport francese ha assegnato la delegazione per il kiteboard alla Federazione Nazionale di Vela. Un cambio di direzione epocale nel Paese che al kitesurf ha dato i natali ma che per 18 anni ne aveva affidato la gestione alla Federazione Volo Libero e non era riconosciuto come disciplina velica. Il commento di Mirco Babini, Presidente dell'Associazione Internazionale Kiteboarding.

Surf, Kite e Windsurf

NeilPryde annuncia il primo kite one design da regata

Il famoso brand statunitense ha lanciato il Convertible Kite Racing (CR:X), primo modello al mondo di attrezzatura da kite one design dedicata agli appassionati della disciplina Race e in lizza per le future Olimpiadi.

Surf, Kite e Windsurf

Itinerari kitesurf: Cumbuco e le lagune brasiliane

  • Foto
  • 19 Dicembre 2016

Gli Alisei costanti che soffiano tra i 18 e 25 nodi per 10 mesi l'anno rendono questo villaggio di pescatori situato lungo la costa nord-orientale del Brasile un vero paradiso per gli appassionati di kitesurf.

Vela

Lewis Crathern: dal coma al salto record

  • Foto
  • 12 Dicembre 2016

Lo scorso 22 novembre il kiteboarder britannico ha segnato il nuovo record inglese di salto raggiungendo un’altezza di 22,30 metri. Un exploit formidabile per questo ragazzo di 31 anni che nove mesi ha rischiato di morire durante il Red Bull King of the Air, in Sud Africa.

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione