Rio 2016: vigilia senza tregua, l’inquinamento nella Baia resta altissimo

Gli organizzatori rassicurano sul fatto che le gare di vela e nuoto si svolgeranno in zone non contaminate, ma resta difficile credere che l'inquinamento resti fermo in un punto della Baia e lasci pulito il resto

4 Agosto 2016 | di Redazione Liguria Nautica
Environment Institute of Rio de Janeiro State (INEA) staffers collect a bed mattress as the tide moves away from the "eco-barrier" set up to catch floating debris before they enter Guanabara Bay at the mouth of the Meriti river, in Duque de Caxias, next to Rio de Janeiro, Brazil, on July 20, 2016. / AFP / YASUYOSHI CHIBA (Photo credit should read YASUYOSHI CHIBA/AFP/Getty Images)

Non trova serenità questa vigilia dei giochi olimpici di Rio 2016 e ancora una volta sono gli sport acquatici che si svolgeranno in mare a lanciare un forte campanello d’allarme. Quello dell’inquinamento delle acqua della Baia di Guanabara è un argomento vecchio, già ampiamente noto al comitato olimpico da anni. A fronte dell’evidente problema il Governo brasiliano si era assunto l’impegno a stanziare 4 miliardi di dollari per bonificare le acque ma di questa cifra ne è stata stanziata solo una piccola parte, appena 170milioni.

Il Brasile affronta una grave e profonda crisi economica, che inevitabilmente ha messo in crisi negli ultimi messi l’organizzazione delle olimpiadi e i lavori alle infrastrutture, a conferma che per un paese economicamente non sano l’Olimpiade rischia di trasformarsi da opportunità a baratro finanziario.

Il problema adesso è quello della salute degli atleti. Secondo quanto dichiarato dal medico Daniel Becker sul New York Times “Gli atleti gareggeranno in un mare di escrementi umani“, non è certo questo il sogno olimpico che gli sportivi coltivano fin da bambini. La questione interessa soprattutto i velisti e i nuotatori, che saranno a diretto contatto con le acque della Baia.

Gli organizzatori rassicurano sul fatto che le gare di vela e nuoto si svolgeranno in zone non contaminate, ma resta difficile credere che l’inquinamento resti fermo in un punto della Baia e lasci pulito il resto.

Argomenti: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

1 commento

  1. paolo ha detto:

    Che vergogna, ma non solo per i Giochi, ma per il mondo intero che stiamo trasformando in una latrina. Siamo troppi? O forse siamo solo troppo incivili… Spiace per gli Atleti, ma spiace ancor più per il genere umano.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Privacy policy | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione