Cliff Kapono e gli studi sull’oceano: le analisi sui batteri del surfer biologo

L'atleta americano "alla caccia" di batteri marini

11 aprile 2017 | di Redazione Liguria Nautica
Una recente immagine di Cliff Kapono.
Cliff Kapono in una recente foto.

Cliff Kapono è un surfer di fama mondiale ma la notizia non riguarda le sue imprese sportive, bensì i suoi recenti studi sull’ecosistema oceanico.

Proprio così, perché chi meglio di un surfista può conoscere i batteri marini? Questi atleti, infatti, ogni anno ingeriscono 170 millilitri di acqua salata e sono quindi perennemente esposti al rischio di contrarre delle malattie batteriche. E’ da questi presupposti che nasce il Surfer Biome Project, gli studi sull’oceano portati avanti da Cliff Kapono. Il surfer-biologo di 29 anni, nato alle Hawaii, negli ultimi mesi ha analizzato una vasta gamma di tamponi inviati da migliaia di tester.

Cliff Kapono, quando da surfer a biologo il passo è davvero breve: ecco come sono organizzati i suoi recenti studi sull’oceano.

Quale l’obiettivo di questa ricerca? Semplice, poter elaborare nuove analisi sulle forme batteriologiche non ancora conosciute e capire quanto questi microrganismi siano resistenti alle normali cure antibiotiche.

Il Surfer Biome Project è iniziato nel gennaio 2016 e proseguirà fino all’estate 2017, quindi fra pochi mesi verranno stilati i primi verdetti.

Come funzionano nel dettaglio gli studi sull’oceano di Cliff Kapono? In laboratorio viene estratto il Dna dei batteri raccolti, che poi viene sequenziato, usando anche tecniche avanzate come la spettrometria di massa, per studiare le proprietà delle singole molecole di cui sono composti.  I surfisti, per la durata e la frequenza delle loro uscite in mare,  entrano infatti in contatto con una vasta gamma di microrganismi e rappresentano pertanto i soggetti migliori su cui incentrare le analisi.

Si potrà così chiarire meglio la complessità di un ambiente, quello oceanico, in parte ancora inesplorato. Vista la resistenza delle maggior parte dei surfisti a queste infezioni, la cura migliore potrebbe essere molto semplice: cavalcare le creste oceaniche. Altro che antibiotici.. Scherzi a parte, restiamo in attesa i risultati di questi importanti studi.

Fonti articoli, video, immagini: repubblica.it, surfer.com, youtube.com, cliffkapono.com

Paolo Bellosta

Argomenti: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il lettore è responsabile a titolo individuale per i contenuti dei propri commenti. In alcun modo le idee, le opinioni, i contenuti inseriti dai lettori nei commenti ad articoli e notizie rappresentano l’opinione dell’editore, della redazione o del direttore responsabile.
Il lettore non può pubblicare contenuti che presentino rilievi di carattere diffamatorio, calunniatorio, osceno, pornografico, abusivo o a qualsiasi titolo illecito e/o illegale, né assumere atteggiamenti violenti o aggredire verbalmente gli altri lettori.
La segnalazione di eventuali contenuti diffamatori, offensivi o illeciti e/o illegali può essere effettuata all’indirizzo e-mail info@ligurianautica.com, specificando il contenuto oggetto della segnalazione attraverso link diretto. La redazione provvederà a verificare il contenuto e prenderà eventuali provvedimenti nel più breve tempo possibile.

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione