Maddalena: nuovo regolamento restrittivo del parco

Le nuove regole imporranno misure molto restrittive all'interno di tutto l'arcipelago

23 gennaio 2017 | di Redazione Liguria Nautica
Spiaggia Budelli
Un dettaglio dell'isola di Budelli parte del parco della Maddalena

È stato introdotto un nuovo regolamento restrittivo del Parco nazionale della Maddalena. Il Consiglio del parco, durante l’ultima riunione, ha approvato un nuovo piano di gestione del Sic (sito di interesse comunitario) e della Zps (zona protezione speciale) molto restrittivo che comprende il divieto alla pesca sportiva subacquea per tutto l’anno, prima concessa durante l’inverno e limitata al week end durante l’estate; il divieto alle passeggiate e alle escursioni fino a Cala Coticcio e Cala Brigantina; lo stop alle moto d’acqua e una nuova legislazione molto restrittiva per quanto riguarda le gite alle isole con i barconi, che saranno permesse, ma solo per mezza giornata e con una sola tappa in una spiaggia dell’arcipelago. Infine il divieto completo a mettere piede sull’isola di Budelli, spiaggia del Cavaliere compresa, a meno che non si venga accompagnati dalle guide.

Il piano è consultabile sull’albo pretorio on line del sito dell’ente Parco nazionale della Maddalena. Circa un centinaio di pagine in cui sono elencati tutti i divieti approvati dal Consiglio.

Nuovo regolamento: le regole introdotte nell’arcipelago della Maddalena

  • Pesca subacquea: Sarà vietata tutto l’anno con una sola eccezione, «previo accordo con il Comune sulla base di uno studio scientifico che la regolamenti». Fino a oggi è consentito ai residenti immergersi per pescare tutti i giorni nel periodo invernale. Solo nel fine settimana, venerdì, sabato e domenica durante il periodo estivo
  • Pesca sportiva da diporto: Si potrà pescare a bolentino o a traino solo superati i 60 metri di batimetrica.
  • Barconi per le isole: Le gite per le isole si accorciano e passano da una giornata intera a mezza. Sarà consentita solamente una sosta nelle spiagge delle isole dell’arcipelago, Introdotto l’obbligo di fermata nell’isola madre. In base al Piano sparisce quindi la gita lunga nell’arcipelago con anche tre soste in spiaggia per i turisti.
  • Budelli: Con il Piano approvato dal Consiglio direttivo viene sancito il divieto assoluto di sbarco sull’isola a meno che non si venga accompagnati dalle guide.
  • Moto d’acqua: Nuove regole anche sulle moto d’acqua, noleggiabili in numerose attività dell’arcipelago. Sarà vietato l’utilizzo nelle acque dell’arcipelago, sempre e comunque.
  • Cala Coticcio: Il Piano prevede nuove regole anche per due splendide spiagge di Caprera: Cala Coticcio e Cala Brigantina. Vietato raggiungerle a piedi o dal mare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti

  1. Claudio ha detto:

    Perché anziché vietare e mettere limiti estremi, non si organizza una serie di controlli perché si rispettino delle regole di civiltà e buona educazione, dando in questo modo posti di lavoro magari ai giovani e favorendo il turismo?

  2. Velastregata ha detto:

    Va bene tutto, si vede finalmente una luce in fondo al tunnel che non è più un treno che ti viene contro, (forse hanno finalmente cambiato spacciatore)…. però il divieto di scendere dal mare a Tahiti e cala Brigantina mi pare abbastanza eccessivo. Allora che le chiudessero in una cupola di plexiglass con lucchetto, con chiave da dare ai soliti amici degli amici dei politici…

Potrebbe interessarti anche

© Copyright 2006 - 2017 Liguria Nautica - Testata giornalistica on-line del turismo nautico in Liguria,
registrato al nr. 20/2011 con autorizzazione nr. 159/2011 del Tribunale di Genova dal 23 sett. 2011 Editore Carmolab SAS - P. Iva. 01784640995 - Direttore Responsabile: Alessandro Fossati
Tutti i contenuti e le immagini di proprietà di Liguria Nautica sono liberamente riproducibili previa citazione della fonte con link attivo

Pubblicità | Redazione | Informativa cookies | Contatti

sito realizzato da SUNDAY Comunicazione